Tu sei qui: Home / Cronache di viaggio / Going to Europe / [SVE] I SOGNI E LE ASPETTATIVE DI ELENA, IN PARTENZA PER MARSIGLIA

[SVE] I SOGNI E LE ASPETTATIVE DI ELENA, IN PARTENZA PER MARSIGLIA

creato da La redazione ultima modifica 19/07/2013 10:59
Rimarrà per 8 mesi presso l’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia. “Le mie aspettative? Cultura. Condivisione. Partecipazione”

Quali che siano le aspettative o i timori, i desideri e le prospettive, i volontari che stanno per intraprendere un’esperienza ed iniziare un progetto Servizio Volontario Europeo si trovano a riflettere sul “viaggio” che stanno per iniziare.


Elena si trova attualmente a Marsiglia, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Marsiglia, dove è arrivata da meno di due settimane e rimarrà per 8 mesi.

 

Si occupa della comunicazione e dei contatti col pubblico, dell’organizzazione di eventi e di diffusione di informazioni tramite materiali informativi e newsletter; inoltre supporterà l’organizzazione di progetti artistici e culturali  finalizzati alla promozione della lingua e della cultura italiana, nonché l’aggiornamento della biblioteca e mediateca dell’istituto.

 

L’abbiamo incontrata e intervistata prima della partenza, quando sapeva del progetto, ma questo ancora non era iniziato, quando sapeva dove sarebbe andata ma ancora non era partita, quando aveva delle aspettative ma non sapeva come questa esperienza l’avrebbe cambiata.

 

Quando hai deciso di fare questa esperienza?
Dopo la laurea. Anche se poi il lavoro ha fatto sì che posticipassi di un anno la mia scelta.

 

Cosa ti ha spinto?
Il desiderio di maturare un’esperienza all’estero, cosa che purtroppo non ho avuto la possibilità di fare durante il mio percorso di studio.

 

Ha inciso più la meta o il progetto, sulla tua scelta?
Entrambe. Sicuramente la priorità va al progetto, ma nella ricerca mi sono focalizzata su paesi di cui conoscevo la lingua.

Hai già maturato esperienze estere?
In questo momento mi trovo a NY. Sto facendo uno stage di tre mesi all’agenzia fotografica Magnum. Nel frattempo lavoro come producer per un documentario sugli italo-americani di terza generazione e come fotografa.

 

Cosa più ti incuriosisce o cosa più ti preoccupa?
Sono molto curiosa di scoprire Marsiglia e di partecipare alle attività culturali legate a Marseille Provence Capitale de la Culture 2013. Credo che il progetto possa valorizzare le mie potenzialità e sarò felice di condividere quest’esperienza con altri volontari.
L’unica cosa che un po’ mi preoccupa è la burocrazia legata a questi tipi di progetti. Ma finalmente, ora che si avvicina la partenza, anche questo sembra superato.

Tre parole per definire le tue aspettative.
Cultura. Condivisione. Partecipazione.

 

Pensi che questa esperienza potrà cambiare la tua vita?
Sicuro, tutte le esperienze che ho fatto mi hanno cambiato la vita.

 

Come e dove ti vedi fra un anno?
Non sono molto brava a pianificare la mia vita su lunghi periodi. Molto spesso prendo delle decisioni improvvise, cambiando completamente i miei piani e trovando nuove direzioni nella mia vita.

Per ora il mio intento è quello di tornare a NY. Qui ho imparato che se hai degli obbiettivi e delle aspirazioni li raggiungerai di sicuro. L’ottimismo che si respira qui è linfa vitale per ogni spirito creativo. Ho buonissime possibilità di lavorare nel campo della fotografia e di sviluppare i miei progetti.
Ma, dopo Marsiglia, chissà…

 

A cura di Going to Europe

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici