Tu sei qui: Home / Fumetti / BIG BABY, CHARLES BURNS

BIG BABY, CHARLES BURNS

creato da Giovanni Scalambra ultima modifica 22/10/2012 15:41
La favola (nera) dell’adolescenza nei suggestivi disegni di Charles Burns

Charles Burns non vive tra di noi. Almeno quando scrive o disegna. I suoi personaggi, le sue ambientazioni, le sue suggestioni, sono intrappolate in un passato che non c’è più, un passato in cui i film (zeppi di mostri spaziali) non si vedono in dvd ma in drive in polverosi, un mondo popolato da case sugli alberi, campeggi in riva al lago, fumetti spaventosi e corse spensierate tra campi di grano e boschi fitti e misteriosi, dove gli adulti sono comparse e i ragazzi protagonisti (spesso nel ruolo di vittime). Ma soprattutto dove gli orrori reali superano di gran lunga quelli di fantasia.

 

   Perché se è vero che la visione di mostruosi uomini talpa può far rizzare i capelli sulla testa, è altrettanto vero che l’immagine di un marito geloso che picchia selvaggiamente la moglie è molto più disgustosa; e che se l’apparizione di un bambino fantasma – come insegnano i film orientali – è spaventoso per definizione, l’idea che il suo assassino sia rimasto impunito non è meno agghiacciante.

 

   Protagonista di queste tre storie sospese tra la romantica nostalgia degli anni ’50-’60, i brividi dei fumetti EC Comics e dei B-movies più improbabili, i racconti fantastici (per tematiche e qualità) di Ray Bradbury e la grottesca ferocia di Harvey “Mad” Kurtzman, è Tony Delmonte, un curioso bambino dalla testa d’uovo invischiato suo malgrado in una terrificante trama in cui non mancheranno cadaveri sepolti nei giardini di innocue villette a schiera, misteriosi omicidi che avvengono nei campeggi estivi, e malattie senza nome che infettano amori e adolescenza.

 

   Ed è proprio l’adolescenza, i suoi riti, le sue paure, le sue mutazioni (corpi che cambiano, desideri che si trasformano, ormoni che impazzano) che Burns racconta attraverso il suo inconfondibile e profondo bianco e nero, spargendo ironia e terrore su una straordinaria malattia che, come ha spiegato lo stesso autore nel capolavoro Blackhole, “nonostante tutto passa”.

 

Charles Burns, Big Baby, Coconino Press, pagg. 96, euro 15

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici