Tu sei qui: Home / Interviste / Autori / MEIR SHALEV (SPECIALE TORINO)

MEIR SHALEV (SPECIALE TORINO)

creato da Marilia Piccone — ultima modifica 23/08/2012 13:27
Intervista all'autore del dolce libro per bambini "Un serpente, un diluvio e due arche"
MEIR SHALEV (SPECIALE TORINO)

Meir Shalev

E’ di poco tempo fa la nostra intervista allo scrittore israeliano Meir Shalev in occasione della pubblicazione del suo romanzo “Il ragazzo e la colomba”. Questa volta, incontrandolo a Torino, vogliamo chiedergli del libricino per bambini, “Un serpente, un diluvio e due arche”, in cui racconta ai piccoli storie prese dalla Bibbia.

Perché scegliere di raccontare storie della Bibbia, trasformandole in una specie di fiabe?
   Perché ho una grande esperienza di queste storie e di raccontare storie. Quando ero bambino i miei genitori le raccontavano a me, e io le ho raccontate ai miei bambini. Ai bambini piacciono, quando gliele racconti come storie e non ne fai delle lezioni da imparare. E ci sono storie nella Bibbia belle quanto quelle della mitologia greca. Le racconto in maniera semplice, senza intenzione di fare proselitismo. In Israele ci sono anche come audiocassette e hanno avuto un gran successo. Sono contento che siano state tradotte anche in italiano. E poi l’illustratore delle storie è Emanuele Luzzati: mi spiace che sia morto circa sei mesi fa e non abbia fatto a tempo a vedere questo libro. Ci eravamo incontrati ancora poco tempo prima della sua morte: per me l’edizione italiana del libro ha un grande significato emotivo.

Ecco, le illustrazioni sono altrettanto importanti quanto il testo, in un libro per bambini. Quando ha pensato al libro, aveva già in mente di chiedere a Lele Luzzati di fare i disegni?
   Conoscevo già Lele Luzzati, avevamo lavorato insieme per un progetto per il museo di Storia di Gerusalemme. Quindi sì, ho pensato subito a lui, pensavo che il suo stile fosse ottimo- uno stile ingenuo e ricco di colore; ingenuo nel senso che guarda con gli occhi di un bambino. In Israele è stato pubblicato sei anni fa.

Lo chiedo a Lei, perché non si può più chiederlo a Emanuele Luzzati: quali sono gli elementi importanti in un disegno, per attrarre l’attenzione dei bambini?
   I colori, certamente, e poi la ricchezza dei dettagli, uno sguardo sulla realtà che non sia da documentario, o da fotografia. Prendiamo ad esempio la figura di Giuseppe bambino, fatta da Luzzati: il sorriso, i colori, tutto quello che indica luminosità e gioia, che sono uguali sia nel disegno in cui lui è piccolo sia in quello che lo raffigura quando è più grande. E’ un disegno che attira l’attenzione e cattura la simpatia.

Come si trasforma una storia presa dalla Genesi in una fiaba e con un linguaggio che possa catturare l’attenzione dei bambini?
   Prima di tutto bisogna dire che quello che c’è di speciale nell’ebraico della Bibbia è che è che è comprensibile anche per i bambini. La base è quindi lì: posso usare una frase dell’originale, e poi creo una lingua moderna ma che sia nello stesso tempo ‘buona’ e ricca. Non voglio trasformare quello che racconto in uno scherzo; volevo una lingua facile ma che fosse anche ad un buon livello. E ogni tanto cito l’originale, perché so che i bambini possono capirlo.

E come ha scelto le storie da raccontare?
   Non c’è stato un criterio, ho scelto queste perché mi piacevano, ma ce ne sono tante altre da raccontare. E forse le racconterò.

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici