Tu sei qui: Home / Libri / “Tutti i bambini perduti”, Kate Atkinson

“Tutti i bambini perduti”, Kate Atkinson

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 19/01/2018 08:31
A volte Jackson pensava che il passato non fosse soltanto un altro paese, ma un continente perduto in fondo a un oceano sconosciuto.

Si svolge tra il passato- la metà degli anni ‘70- e il presente, il romanzo “Tutti i bambini perduti” di Kate Atkinson, il quarto della serie con il personaggio di Jackson Brodie di cui però a noi è arrivata solo la traduzione di “Aspettando nuove notizie”. Come nel romanzo precedente, anche in questo troviamo un mix di generi- romanzo poliziesco, romanzo di sentimenti e di analisi psicologica. Con un interesse particolare per i bambini.

 

Che un bambino scompaia- è l’incubo di ogni genitore. Nel romanzo di Kate Atkinson i bambini che scompaiono sono dei casi diversi. Forse, dal loro punto di vista, è perfino un bene che vengano ‘rapiti’ da altri. ‘Certi genitori dovrebbero essere castrati’ è la riflessione brutale di Jackson. La piccola Courtney, 4 anni, è strattonata al seguito di una madre (nota prostituta) urlante in un centro commerciale. Il cuore della vecchia Tilly (attrice messa a riposo ai primi sintomi di Alzheimer) piange per lei, ‘qualcuno dovrebbe fare qualcosa’, pensa Tilly. Tracy Waterhouse, ex poliziotta, sorvegliante del centro commerciale, fa qualcosa: offre del denaro a Kelly Cross e compra la bambina. Sì, la compra. Tracy, grossa e sgraziata, riempie il vuoto della sua vita con questa bambina che non è neppure bella, neanche col vestitino da fata che sceglie appena Tracy la porta in un reparto abiti per bambini per sostituire gli stracci che ha addosso. E poi Tracy si ritrova a fuggire con Courtney, inseguita da uomini che forse vogliono tutt’altro. Perché dalla lontana Australia una donna di nome Hope si è messa in contatto con Jackson Brodie, detective privato, ex poliziotto, ex militare, un paio di ex mogli, una figlia adolescente e un figlio bambino di cui ha appena saputo essere il padre nel libro precedente, perché vuole che la aiuti a sapere chi è lei veramente- è stata adottata ma non ci sono documenti, né certificato di nascita né di adozione. E che cosa c’entra Carol Braithwaite, trovata morta nel suo appartamento nel 1975? Quando la polizia aveva buttato giù la porta c’era anche un bambino in casa- era rimasto chiuso dentro, con il tanfo del cadavere della mamma, per tre settimane. Chiuso dentro: quindi qualcuno aveva girato la chiave dall’esterno. Una Tracy giovane era presente, avrebbe voluto prendersi cura lei del bambino. Ma era scomparso. Perché adesso improvvisamente tutti fanno domande su Carol?

 

La bravura e la cultura di Kate Atkinson non si discutono. Bravura nel dipanare le varie storie, quella parallela (con risvolti spassosissimi) di Jackson Brodie che adotta un cane proprio come Tracy ‘adotta’ la fatina dall’abito rosa, quella della anziana attrice che ha ‘perso’ un bambino, un figlio dell’amore, quando era giovane (sembra una storia marginale, la sua, e invece avrà un ruolo importante alla fine), quella di Carol nel 1975, anno memorabile che vide impazzare Jack lo Squartatore (sentiamo la voce di David Peace e del suo quartetto dello Yorkshire in queste pagine) e che segnò l’inizio di tutto nel silenzio e nella corruzione. Quanto alla cultura della Atkinson, è l’ordito sottile di tutte le vicende, c’è e non è appariscente, è fatta di citazioni che si inseriscono perfettamente nel testo, a volte leggermente modificate perché si adattino meglio, a volte basta una parola per far scattare un rimando agganciando il nostro pensiero.

 

Non si può incasellare con un’etichetta di genere “Tutti i bambini perduti”. Con un umorismo squisitamente britannico che alleggerisce la drammaticità della questione (“un bambino smarrito è la cosa più brutta che ci sia”), il romanzo della Atkinson è una riflessione sulla responsabilità che i genitori hanno nei confronti dei figli, sull’opportunità di lasciare un bambino in mano ad un genitore irresponsabile piuttosto che affidarlo ad un estraneo che però è pronto ad amarlo e a dedicarsi a lui.

 

Ed. Marsilio, trad. Ada Arduini, pagg. 425, Euro 15,73

 

Recensione a cura di

Marilia Piccone

leggerealumedicandela.it

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici