Tu sei qui: Home / Libri / Io sono con te di Melania Mazzucco

Io sono con te di Melania Mazzucco

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 13/01/2017 09:36
"Un romanzo molto bello e generoso contro la discriminazione" (M. Piccone)

Dieu le veut. Lo vuole Dio. È il nome della clinica che Brigitte Zébé aveva aperto a Matadi in Congo. Una clinica dove lei faceva l’infermiera e dirigeva uno staff di medici qualificati, pronti ad aiutare quelli che si presentavano in cerca di aiuto anche se non avevano la possibilità di pagare. Dieu le veut, è il mantra che Brigitte ripete con fede ma anche con una sorta di fatalismo mentre affronta le difficoltà più incredibili di questa sua nuova vita di rifugiata in un paese di cui non sapeva nulla, in cui non conosce nessuno e non comprende nessuno quando le viene rivolta la parola. Dieu le veut, e intanto piange. La sua vita perduta, i figli perduti, morti, chissà. Il futuro buio.

 

“Io sono con te” è la storia di Brigitte Zébé rifugiata approdata a Roma. E Melania Mazzucco è la scrittrice che raccoglie la sua storia facendosi portavoce di Brigitte.

 

Quando ho letto “Voci del verbo andare” di Jenny Erpenbeck, dove un professore in pensione si avvicinava ai rifugiati e ascoltava le loro storie, mi sono chiesta perché non avessimo anche noi uno scrittore che facesse qualcosa di simile, proprio noi che siamo il paese dove la maggior parte di questi disperati in fuga sbarca e dove quindi ha diritto di chiedere asilo politico, perché non ci fosse uno scrittore italiano che se la sentisse di prendere questo fardello di dolore sulle proprie spalle. Ecco: Melania Mazzucco è la risposta, è lei che per mesi ha ascoltato Brigitte, che ne ha raccolto le parole e le lacrime. Nel libro si intrecciano tempi diversi fatti di flash immediati sul presente di una donna che si aggira per la stazione Termini- sembra in stato confusionale, e come potrebbe non esserlo, catapultata in un paese sconosciuto, impreparata al clima freddo di una Roma autunnale, con in tasca venti euro del cui valore non ha idea-, che dorme per terra, timorosa di tutto, che viene indirizzata al Centro di via Astalli dove immediatamente riceve cure mediche, sia fisiche sia psicologiche, e di flash-back sul passato, su come la vita tranquilla (per quanto possa essere tranquilla la vita in Congo) di Brigitte, vedova con quattro figli e un lavoro ben avviato, sia stata sconvolta dal suo rifiuto di uccidere con dolcezza dei manifestanti ricoverati nella sua clinica. I ricordi peggiori, la prigione, le torture, le violenze, la fame, la bestialità dei carcerieri e poi la salvezza insperata- perché il bene fatto torna sempre indietro, Dieu le veut- e quel viaggio verso l’ignoto, vengono per ultimi perché è come se si riaprissero le cicatrici, come se tutto il corpo dolesse di nuovo. Niente vien tralasciato nel racconto della vita di Brigitte, nessun dettaglio del suo nuovo inizio con gli aiuti del Centro di via Astalli diretto dai gesuiti, degli incontri fatti con persone eccezionali che hanno scelto di dedicare la loro professionalità all’aiuto dei rifugiati, dell’iter arduo per avere i documenti, perché le venga riconosciuto il diritto di asilo, per avere un alloggio, per imparare la lingua, per inserirsi nel mondo del lavoro, per cercare di ritrovare i figli e poi per riconquistare l’affetto e la fiducia di questi figli che si erano sentiti abbandonati da lei, così all’improvviso.

 

Si esce diversi dalla lettura di “Io sono con te” (sono parole tratte dal libro di Isaia, “Tu non temere, perché io sono con te”). Melania Mazzucco è una bravissima scrittrice, la sua empatia è straordinaria e Brigitte è una persona fuori dal comune. La sua storia cambia la nostra maniera di guardare le persone di colore agli angoli delle strade. Di certo non saranno tutti come Brigitte, ma dovremmo pensare a lei e non girare alla larga. E dovremmo dare degli scampoli del nostro tempo e tagliare un margine del sovrappiù che tutti abbiamo e contattare i centri di accoglienza per rifugiati.

 

Un romanzo molto bello e generoso contro la discriminazione.

 

 

Melania G. Mazzucco, “Io sono con te”

Ed. Einaudi, pagg. 252, Euro 17,50

 

 

Recensione a cura di Marilia Piccone

Blog "Leggere a lume di candela"

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici