Tu sei qui: Home / Libri / UOMINI NUDI, Alicia Giménez-Bartlett

UOMINI NUDI, Alicia Giménez-Bartlett

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 14/04/2016 12:00
Gli ‘uomini nudi’ del romanzo della Giménez-Bartlett sono gli spogliarellisti che si denudano durante lo spettacolo, sono gli uomini nudi privati della loro dignità davanti a Irene, sono tutti gli esseri umani quando mettono a nudo la loro vera natura.

 

    Quattro personaggi. Quattro solitudini. Quattro maniere differenti per reagire alla crisi, personale o della Spagna che, come l’Italia, ha conosciuto il crollo dell’economia. I quattro personaggi di ambienti diversi finiscono per incontrarsi nelle pagine del romanzo “Uomini nudi” di Alicia Giménez-Bartlett, vincitore del Premio Planeta 2015, a cui continueremo a pensare dopo aver terminato il libro, non potendo fare a meno di esprimere un giudizio su di loro, chiedendoci quali scelte avremmo fatto noi, al loro posto.

    Irene, 42 anni. Gestisce la fallimentare azienda paterna. Dopo quindici anni di matrimonio, il marito la lascia per una donna più giovane. A parte lo smacco, ad Irene non importa molto. È seccata dagli sguardi compassionevoli degli amici, questo sì.

    Javier. Insegna letteratura spagnola come materia integrativa nel liceo di una scuola privata. Con i tagli alla cultura, Javier perde il posto. Non ha mai avuto ambizioni, Javier. Gli bastava la sua piccola vita, il tempo per leggere.

    Genoveva, cinquantenne, bandita dal giro di amicizie di Irene per il suo comportamento ‘libero’. È stata lei a lasciare il marito più anziano anni prima per andarsene con un uomo più giovane, una relazione finita presto. Circolano tante voci sugli amorazzi di Genoveva, lei ci ride su.

    Iván, conoscente casuale di Javier. Iván è un buzzurro, bel fisico e niente cultura. Da un lato ha il fascino della vitalità, della forza con cui reagisce ai colpi del destino, dall’altro c’è qualcosa di animalesco in lui, di nuda brutalità.

    Quando Javier non riesce a trovare nessun impiego (a chi serve un professore di lettere nel nostro mondo?), Iván gli propone di lavorare nel locale dove lui si esibisce in uno spettacolo di spogliarello maschile. La reazione di Javier è quella che ci si può aspettare. Javier è un ingenuo che conosce la vita attraverso i libri, non sapeva neppure che esistessero locali del genere, si stupisce che l’amico sia capace di denudarsi davanti ad un pubblico- be’, forse Iván può farlo, ma lui proprio no-, poi si lascia convincere. Piuttosto che restare a casa a fare niente…Da qui il passo seguente è accettare di fare l’escort- come lo definisce Iván per rendere il lavoro ‘più fine’-, in parole semplici Javier diventa un prostituto. Sarà così che le due donne incontrano i due personaggi maschili.

  Alicia Gimenez Barret  Le quattro voci narranti si alternano senza stacco nel romanzo di Alicia Giménez-Bartlett, a volte sono monologhi o riflessioni interiori, a volte sono dialoghi- uno stile perfetto per entrare dentro ognuno di loro, per coglierne le diversità. In tutti e quattro, ma soprattutto in Javier, è la crisi globale che avvertiamo, non solo la crisi economica ma la crisi dei valori nella nostra società. In Javier- il professore che parla di questi libri- vediamo un don Chisciotte che lotta contro i mulini a vento in difesa di una cultura che non interessa più a nessuno, un Raskolnikov che commette atti insani (Javier regala “Delitto e castigo” a Iván, illudendosi di ‘elevare’ l’amico), il protagonista della tragicommedia cinquecentesca “La Celestina” che è una parodia dell’amor cortese (ne suggerisce la lettura a Irene). Servono a qualcosa i grandi ideali quando non si hanno soldi per pagare l’affitto? L’umiliazione di Javier è anche la nostra, lettori voyeur, e non possiamo non simpatizzare con lui e trovare odiosa Irene, viziata ed egoista, che gode semplicemente a guardare l’uomo nudo davanti a lei, come fosse un oggetto. Almeno Genoveva e Iván non sono ipocriti- e qui ci sarebbe da fare un discorso sulle sfumature delle diverse classi sociali, sui cambiamenti dei modelli maschili e femminili, sul valore di quella cultura che ha ceduto il posto a quello dei soldi.

    Gli ‘uomini nudi’ del romanzo della Giménez-Bartlett sono gli spogliarellisti che si denudano durante lo spettacolo, sono gli uomini nudi privati della loro dignità davanti ad Irene, sono tutti gli esseri umani quando mettono a nudo la loro vera natura. È una tragedia che finisce in una tragedia più grande, “Uomini nudi”, ben diversamente dal film che tutti ricordiamo, “Full Monty” del 1997, dove l’occasionale spettacolo di spogliarello che coinvolgeva uomini disperati ma non certo adoni era divertente e provocatorioÈ un romanzo che impiega il paradosso per risvegliare la consapevolezza.

 

 

 

Alicia Giménez-Bartlett, “Uomini nudi”

Ed. Sellerio, trad. Maria Nicola, pagg. 440, Euro 16,00

 

 

Recensione a cura di Maria Emilia Piccone

http://leggerealumedicandela.blogspot.it

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici