Tu sei qui: Home / Generazione digitale / Lettori 2.0 / BELGRAVIA di Julian Fellowes

BELGRAVIA di Julian Fellowes

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 17/08/2016 12:40
Dallo sceneggiatore della serie tv "Downton Abbey" un romanzo pubblicato online a puntate per lasciarvi col fiato sospeso alla fine di ogni capitolo.

Niente di nuovo, eppure geniale: l’idea di pubblicare un romanzo a puntate è vecchia quanto Charles Dickens che, spinto dalla necessità di guadagnare qualcosa in fretta, fece uscire settimanalmente i capitoli de “Il circolo Pickwick”. Era stato il suo amico Wilkie Collins (autore del famoso “La donna in bianco”) a consigliargli la formula, ‘falli ridere, falli piangere, falli aspettare’. Ecco, ‘falli aspettare’, terminare ogni puntata lasciando il lettore con il fiato sospeso, obbligandolo a precipitarsi all’appuntamento dal giornalaio la settimana seguente. Le novelle a puntate erano popolari anche da noi nelle riviste del dopoguerra, indirizzate per lo più a lettrici di cultura media, che leggevano per distrarsi, per dimenticare il peso delle preoccupazioni, per estraniarsi in un altro mondo.

L’autore di “Belgravia” è Julian Fellowes, scrittore e sceneggiatore della fortunatissima serie televisiva “Downton Abbey”, nonché dei romanzi “Snob” e “Un passato imperfetto”. La novità di questa vecchia idea è nel formato digitale: il romanzo consta di undici capitoli che si potranno acquistare settimanalmente come e-book. La prima puntata si può scaricare gratuitamente e a fine giugno, quando sarà uscita l’ultima, sarà disponibile anche l’edizione cartacea del libro.

Belgravia è un quartiere nell’area centrale di Londra: case bianche, portico sostenuto da colonne, si respira eleganza e signorilità, anche se un personaggio del romanzo accusa malignamente l’impresario di aver riempito la zona di edifici che sembrano ‘torte nuziali’. È in questo ambiente che si muovono i personaggi di Julian Fellowes, nelle ricche abitazioni dove, come già in “Downton Abbey”, downton abbeyc’è un ‘upstairs’ e un ‘downstairs’- ai piani alti i signori, ai piani bassi i servitori che commentano, spettegolano, sono più o meno leali, più o meno deferenti. Questa volta Fellowes ci trasporta negli anni a metà dell’800, quando una borghesia di commercianti incomincia a farsi strada, con l’ambizione- impossibile a realizzarsi- di raggiungere il livello dei nobili, di intrattenersi alla pari con loro. Che la borghesia riesca ad essere più ricca delle classi aristocratiche- quello sì che è possibile, e diventerà la realtà. Molto più difficile e lungo il processo per raffinarsi, per acquistare i modi e il portamento che in quelle sono innati, ereditati insieme al titolo e alle terre.

La prima puntata, “In battaglia a passo di danza”, uscita il 14 di aprile sia in inglese sia in italiano, è una sorta di preambolo: è il 1815, la vigilia della battaglia di Waterloo, e a Bruxelles la duchessa di Richmond offre un ballo grandioso. Tra gli invitati, uno è ‘anomalo’, fuori posto. È un semplice signor Trenchard, un approvvigionatore dell’esercito molto ambizioso (è la controparte maschile di Becky Sharp, l’arrampicatrice sociale protagonista di “Vanity Fair” di Thackeray), con una moglie che un poco si vergogna delle pretese del marito e una figlia bellissima. La bellezza apre tutte le porte, la giovane Sophia è innamorata dell’affascinante Lord Bellasis ed è certa che lui la sposerà. Le notizie sempre più incalzanti dell’avanzata di Napoleone disturbano la festosità della serata- tutti ricorderanno, in seguito, i volti di coloro che danzavano e che il giorno dopo erano già morti.

Nel secondo capitolo, “Un incontro fortuito” (pure questo acquistabile su internet e ‘pubblicato’ il 14 di aprile al costo di Euro 1,49), è il 1840, il signor Trenchard ha investito nella costruzione dei palazzi bianchi di Belgravia, si è arricchito, ha in mente di ristrutturare l’area di magazzini chiamata Isle of Dogs (lungimirante il nostro Mr. Trenchard: questa è la zona dell’odierno centro direzionale Canary Wharf), ma non è interamente felice, c’è un pesante segreto nella sua vita. E qui mi fermo, proibito svelare i segreti, dirò solo che la vita delle due famiglie che si erano incontrate a Bruxelles nel 1815 anche se non sarebbe dovuto succedere, continua ad intrecciarsi.

La fascetta sul romanzo “Belgravia” dovrebbe portare la scritta: ‘Leggere con cautela. Dà assuefazione’. Se Julian Fellowes voleva stregarci, ci è riuscito. Mentre leggiamo ci rendiamo conto che questa non è alta letteratura, che “Belgravia” è un feuilleton, ma ugualmente non riusciamo ad interrompere la lettura.

 

 

Julian Fellowes, “Belgravia”

Ed. Neri Pozza, trad. Simona Fefé, capitolo 1 Euro 0,00, capitolo 2 Euro 1,49

 

 

Recensione a cura di Maria Emilia Piccone

http://leggerealumedicandela.blogspot.it

 

 

Aggiornamento: Link recensione capitoli successivi.

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici