Tu sei qui: Home / Generazione digitale / Lettori 2.0 / Libri che diventano serie tv

Libri che diventano serie tv

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 03/01/2017 12:29
Un 2017 di nuovi fandom e grandi ritorni
Libri che diventano serie tv

Neil Patrick Harris - Conte Olaf

Non sono solo la Marvel e la DC a nutrire il palinsesto di Netflix e Freeform. A fornire intrigante materiale per serie tv sono anche i libri!

 

Tra i nuovi arrivati del 2017 abbiamo un telefilm prodotto da Netflix che già dal trailer e dal cast promette di essere un successo: dal 13 gennaio andrà infatti in onda “Una serie di sfortunati eventi”, ispirata all’omonima saga di Lemony Snicket da cui nel 2004 è già stato tratto un film. Le avventure dei tre orfani Baudelaire tornano quindi sullo schermo, stavolta però nei panni del perfido Conte Olaf non ci sarà Jim Carrey ma Neil Patrick Harris, famoso soprattutto per il ruolo di Barney Stinson in “How I met your mother”. Altri volti conosciuti sono quelli di Violet Baudelaire, ovvero Malina Weissman, che interpreta la giovane Kara Zor-El in “Supergirl” e del giudice Strauss, interpretato da Joan Cusack, sorella di John e candidata due volte al Premio Oscar come Attrice non protagonista. La prima stagione sarà costituita da otto episodi e seguirà per la trama i primi quattro dei tredici libri che compongono la saga letteraria. Speriamo valga una una seconda stagione e non ci lasci con l’amaro in bocca senza una conclusione.

 

La NBC, invece, il 6 gennaio lancerà “Emerald City” una serie di dieci episodi ispirata a “Il meraviglioso mago di Oz” di Frank Baum. I toni, come si nota già dal trailer, sono nettamente più foschi rispetto a quelli del libro. Insomma, Emerald city avrà poco a che vedere con una storia per bambini e, infatti, anche Dorothy non lo è più da un po’. La ritroviamo adulta, a disagio con la vita quotidiana in Kansas, finché un tornado la riporta ad Oz, dove, senza saperlo, costituisce la chiave per il compimento di un’antica profezia. Dorothy Gale verrà interpretata da Adria Arjona (“True Detective” e “Person of interest”), mentre Vincent d’Onofrio (“Daredevil”, “Law & Order”) sarà il volto del Mago di Oz.

 

Anche un libro di Neil Gaiman sarà protagonista di una serie tv: “American Gods”. Shadow Moon viene rilasciato in anticipo dalla prigione per poter partecipare ai funerali della moglie. Sul volo di ritorno a casa incontra il misterioso Mr. Wednesday che gli offre un lavoro come guardia del corpo. Due curiosità: Laura Moon è interpretata da Emily Browning, Violet Baudelaire nella versione cinematografica di “Una serie di sfortunati eventi”, mentre Ian McShane, che vestirà i panni di Mr. Wednesday, ha prestato la voce a Mr. Bobinski in “Coraline”, film d’animazione ispirato ad un’altra opera di Gaiman.

 

Tra le saghe letterarie diventate serie tv a gennaio ci sono anche due attesissimi ritorni. Proprio ieri è andato in onda su Freeform il primo episodio della seconda stagione di “Shadowhunters”, serie ispirata ai romanzi di Cassandra Clare. La season finale ci aveva lasciati con Clary in lacrime e Jace al fianco di Valentine, un gesto che il Conclave non è disposto a perdonare o comprendere. Inoltre, già da ieri sera i primi rumors parlano di un imminente arrivo nel cast di un personaggio per il quale i fan hanno grandi aspettative: Sebastian Morgenstern.

 

Forse ancora più attesa, tuttavia, è stata la quarta stagione di “Sherlock” con Benedict Cumberbatch e Martin Freeman nei panni di Sherlock Holmes e Watson. L’1 gennaio è andato finalmente in onda il primo episodio. Dalla terza stagione erano passati ben tre anni e la disperazione dei fan era diventata oggetto di meme e impietosa ironia sui social. Le tribolazioni sono comunque ben lontane dalla conclusione: gli impegni di Cumberbatch come Doctor Strange per la Marvel, infatti, potrebbero rendere l’attesa di una quinta stagione una vera e propria agonia.

 

 

 

 

 

Angela Politi

3 gennaio 2017

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici