Tu sei qui: Home / News / AfterFuturiDigitali, in arrivo la Prima Edizione

AfterFuturiDigitali, in arrivo la Prima Edizione

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 20/09/2017 09:02
A Modena dal 29 settembre all'1 ottobre.

Grande attesa per AfterFuturiDigitali, il primo Festival nazionale dedicato alla cultura del digitale, promosso dalla Regione Emilia Romagna, insieme al Comune di Modena e al Ministero dello Sviluppo Economico Regionale, su cui si aprirà il sipario il prossimo 29 settembre.

 

Un evento destinato a entrare nella storia e che già alla sua vigilia desta prevedibile interesse e curiosità tra appassionati di tecnologia e non, giovani e meno giovani, educatori e genitori, alla luce soparttutto dell'importanza crescente che il distretto digitale, e la sua evoluzione, stanno ormai assumendo nello scenario della società attuale.

 

Sulle opportunità offerte dalle connessioni digitali, su come queste abbiano cambiato in modo radicale il nostro modo di vivere e su come potrebbero incidere in un futuro non poi così lontano, si incentrerà l'intero programma del Festival che si snoderà tra demo, digitalk, laboratori e conferenze con esperti in materia di digitalizzazione e 2.0.

 

"Connettere - Strategia Nazionale della Banda ultralarga" il tema monografico del Festival che vedrà la città di Modena trasformata in un "prototipo di pratiche urbane della vita aumentata" per riflettere, raccontare e sperimentare dal vivo la pervasività del mondo digitale ed il modo in cui questo sta trasformando concretamente ambiti, situazioni e spazi urbani dentro i quali quotidianamente ci muoviamo.

 

Proprio sul tema della banda ultralarga ed in particolare sulla comunicazione tra genitori e figli al tempo dei social da non perdere - sabato 30 settembre alle ore 16:00 -  la conferenza "La mia banda spinge un tot. La BUL spiegata a mio figlio" presso la Sala Manifattura della Residenza universitaria "San Filippo Neri". La riflessione partirà dai dati della ricerca condotta dal Comune di Modena e relativi al percorso didattico "Internet sicuro" che coinvolge tutti gli studenti frequentanti la prima media nel territorio cittadino. Se ne parlerà con i relatori Alberto Pellai, (medico e ricercatore presso l'Università di Milano), Sergio Ansaloni (sociologo del Comune di Modena)  e Samuele Mollicone (vicepresidente della Coop.va Mediando).

 

SCUOLA E DIGITALE: QUALE FUTURO?

Un Festival, quello che inaugurerà tra pochi giorni, che strizza l'occhio soprattutto al mondo dei giovani e della Scuola. Numerose saranno infatti le occasioni per riflettere sull'impatto che negli ultimi anni il mondo del digitale e le nuove tecnologie stanno esercitando sulle attuali pratiche e metodologie didattiche, con incontri di approfondimento rivolti a studenti, docenti e formatori, tra cui quello che si terrà alla Biblioteca Delfini di Corso Canalgrande, sabato 30 settembre alle ore 17:00, con l'esperto di marketing digitale e world wide web Roberto Ciacci. Rivolto al mondo della scuola anche l'incontro sulla nuova didattica "dire, fare, twittare. Alla scuola serve la BUL" in programma venerdì 29 all'Ist. Secondario di I grado Mattarella, la prima Scuola a Modena ad introdurre i tablet in sostituzione dei libri cartacei, a partire dal prossimo anno scolastico. Sensibilizzare sempre più persone sui percorsi STEM (acronimo inglese che indica lo studio di Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica), promuovendone la diffusione su scala sempre più ampia, sarà invece l'obiettivo dell'incontro dal titolo "girls, makers and life changers" durante il quale, sabato 30 settembre alla Scuola Secondaria di I grado Cavour, Dirigenti scolastici, animatori digitali, docenti e alunni, soprattutto ragazze, si confronteranno sull'esperienza STEM tra testimonianze dirette e momenti di riflessione e dibattito.

 

Sempre in ambito di didattica digitale, da segnalare inoltre l'esposizione interattiva, dedicata agli amanti della robotica, che sarà allestita al Palazzo Europa per tutta la durata della Manifestazione. Attrazione principale della Mostra il robot antropomorfo a sei assi e.DO realizzato da Comau, azienda leader nel settore dell'automazione industriale, con la collaborazione tecnica di ALTRAN. Assemblabile secondo una logica fai da te, grazie ad un'architettura hardware e software open source, il robot può essere utilizzato in molteplici settori, compreso quello didattico educativo come ausilio agli studenti nei propri corsi di studio.

 

BEFORE AFTER

Sempre di scuola e digital transformation si parlerà alle Scuole Mattarella il prossimo 23 settembre nel corso della conferenza "La testa nel futuro – le nuove competenze digitali a scuola", che punterà ad approfondire le opportunità offerte dal Piano Nazionale Scuola digitale (PNSD), il documento del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca per il lancio di una strategia di complessiva innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell'era digitale (legge 107/2015).

 

Una premessa di certo interessante che siamo sicuri accrescerà l'attesa per quello che ha tutte le carte in regola per essere un evento imperdibile.

 

 

Per maggiori informazioni scrivi a info@afterfestival.it o visita il sito afterfestival.it.

 

 

La Redazione

13 Settembre 2017

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo