Tu sei qui: Home / News / Questa è stata una festa contro la paura. Vasco Rossi a ModenaPark, 1 luglio 2017

Questa è stata una festa contro la paura. Vasco Rossi a ModenaPark, 1 luglio 2017

creato da Alessandra Lotti ultima modifica 11/07/2017 13:40
Il racconto di Elisa, una delle operatrici del Coordinamento delle Unità di Strada della Regione Emilia-Romagna presenti all'evento.

“Ciao a tutti! Bene arrivati, siete arrivati tutti? Siete stati controllati? Verificati? Analizzati?

Benvenuti a questa festa epocale, al concerto che non avrà mai fine.

Benvenuti nella leggenda, benvenuti nel record mondiale”.

Così: sorridente e raggiante Vasco Rossi nei saluti iniziali al suo popolo.

Eh già, il giorno tanto atteso è arrivato: 1 Luglio 2017 Modena diventa capitale del rock. Benvenuti al ModenaPark.

I servizi lavorano da mesi su questo concerto, un’area vasta 400 mila metri quadrati dove si muovono 1500 agenti e 2000 uomini del servizio d’ordine interno.

Ambulanze, vigili del fuoco, protezioni civile, squadre di volontari, medici, infermieri che hanno monitorato il parco metro per metro, duecento vie di fuga, percorsi segnalati con chiarezza, tre settori da riempire a seconda del costo del biglietto (pit 1 sotto il palco, pit 2 e poi pit 3 a seguire).

Oltre a loro non potevamo mancare noi, gli operatori del progetto “Buonalanotte” del Comune di Modena nell'ambito del Coordinamento Unità di strada della Regione Emilia-Romagna con presenti operatori provenienti da Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Bologna e altri operatori del Progetto Zone di Modena.

È stata richiesta dal 118 la partecipazione del coordinamento regionale delle unità di strada per dare un supporto al lavoro di soccorso sanitario ai 220 mila spettatori  del concerto-evento Modena Park di Vasco Rossi.

Il personale è stato chiamato all’opera già dal mattino presto nell’allestire il nostro spazio-zona chill out con annesso banchetto informativo e non solo, vicino a uno dei PMA (Posto Medico Avanzato) previsti, aree con medici e infermieri che si sono occupati delle emergenze.

 

Nel primo pomeriggio con l’arrivo di tutti gli operatori, si è fatto un “briefing” per coordinarci sul lavoro da fare.

Iniziano così dei giri di monitoraggio, 2-3 squadre composte da 3 operatori dislocate su le varie aree del parco per dare un occhio alle persone accampate da ore e giorni.

A metà giornata non è entrata neppure la metà degli spettatori e un po' di trepidazione e preoccupazione si respira tra gli organizzatori, ma la marea umana è infinita, immensa, praticamente impossibile da quantificare a occhio nudo.

 

Il pomeriggio continua con l’incremento di più giri non solo di monitoraggio ma anche per distribuire acqua e bustine di zucchero. I più coraggiosi stanno senza cappellino, cercando un filo di refrigerio nei migliaia bicchieri d’acqua che distribuivamo. Alcune persone erano straziate dal caldo e dalla disidratazione, infatti la maggior parte dei visitatori delle tende dei PMA sono stati giovani che accusavano malori da colpi di sole. Flebo, acqua, un po' di riposo e poi via di nuovo in pista.

Immediata è stata la risposta quando alle 18 circa, era sparita l’acqua e restava soltanto  la birra: è partito l’ordine e alcuni camion sono andati a prendere dei pallet di bottigliette. Ovviamente non poteva mancare qualche polemica riguardo proprio la questione acqua, ma tutti gli operatori in campo compresi noi ci siamo coordinati al meglio per permettere lo svolgersi della grande festa con una professionalità estrema. Non sono mancati i soccorsi a quelli che hanno abusato di birra. E  la nostra tenda di zona chill out a fianco del PMA10 del 118 è stata di aiuto a tutti. Anche coloro che volevano prendersi una pausa dal sole cuocente, oppure semplicemente per prendere un bicchiere d’acqua o di succo e chiedere qualche info. Cosa gradita sono stati i nostri spruzzini nebulizzanti disponibili per tutti coloro che si volevano rinfrescare un attimo.

 

Lentamente senza stress il popolo di Vasco si è chiuso la porta dietro, raggiungendo quota 220 mila proprio in orario, anzi un po' prima.

Ore 21:00, una di quelle feste mai viste, la gente balla, la gente si fa trascinare e accompagnare nella lunga notte di Vasco.

Tutti gli operatori in campo sempre attenti e scrupolosi nell’osservare questo fiume in piena.

 

Sono circa 1830 le persone visitate nei PMA, ma tutto sommato è stata una serata tranquilla. Il concerto si conclude con la famosissima “Albachiara” e successivamente uno spettacolo pirotecnico illumina tuttoModenaPark_fuochi d'artificio il pubblico che lasciato a bocca aperta, esce stanco, commosso e felice. Felice per esserci stato, perché questo concerto ha rappresentato per tutti, la possibilità di dire grazie a un artista che ha regalato emozioni ed energia. La forza della musica.

Il parco si è svuotato abbastanza in fretta e in modo ordinato.

Qualche altra visita nel nostro banchetto per prendere l’ultimo bicchiere d’acqua e qualche materiale informativo di diverso genere, da quelli sulle dipendenze a quelli sulle malattie sessualmente trasmissibili.

Verso l’una decidiamo di smontare il tutto.

Abbiamo cercato di dare assistenza in un contesto di enorme complessità, con la massima qualità e competenza, affrontando la fatica e raggiungendo, si spera, il miglior risultato possibile.

 

“Questa serata diventerà un esempio per tutta Europa”.

Il concerto dei record è stato un trionfo: l’invasione dei fan ha trasformato la città, una splendida giornata senza incidenti.

Voglio concludere con le ultime parole di Vasco: “Questa è stata una festa contro la paura, non cambieremo le nostre abitudini. Il nemico è la paura e noi non abbiamo paura”.

 

 

Articolo a cura di

Elisa Barillà - Cooperativa Caleidos -  operatrice del progetto Buonalanotte del Comune di Modena

 

 

 

Hanno partecipato all'intervento 24 operatori delle seguenti Unità di Strada:

1- Progetto "OPS" Piacenza

2- Progetto " Unità di Strada Parma " Parma

3- Progetto "Gig Giovani in Giro " provincia di Reggio Emilia

4- Progetto "UP unità di prossimità " Reggio Emilia

5- Progetto "Buonalanotte " Modena

6- Progetto "Zone" provincia di Modena

7- Progetto "Beat Project " Bologna

8- Progetto "Occhio a Bacco" Bologna

9- Progetto "Unità di Strada " Bologna

Referenti del coordinamento delle Unita di Strada della Regione Emilia-Romagna: Marco Battini, Nicola Mansi.

Etilometro

Etilometro on-line

Consulenze online

piccolo chimico

Piccolo chimico

Gioco azzardo

Gioco d'azzardo

Prevaricazioni e bullismo

Prevaricazioni e bullismo

Servizio civile

Servizio civile

scrivici

 

MakeIt Modena_logo