Tu sei qui: Home / Piccolo chimico / ECSTASY / Combinazioni pericolose / Pasticche... più ne mandi giù, più non torna su!

Pasticche... più ne mandi giù, più non torna su!

creato da La redazione — ultima modifica 24/02/2013 10:51
Tutte le sostanze stupefacenti possono provocare problemi di erezione e alterare la normale attività sessuale.

Ciao sono un ragazzo di 21 anni e ho da porvi un paio di domande.
  Ho fatto, dai 15 anni in poi, uso e abuso di tutti i tipi di sostanze esistenti: thc, lsd, anfetamine, mdma, oppio, funghi, salvia, popper, cocaina, ecc. ecc.
  Un paio di anni fa mi è capitato con una mia amica, di punto in bianco, di non riuscire ad avere un'erezione, e la cosa mi aveva turbato molto perché da ragazzini ci scherzavamo dicendo "con le paste diventi impotente". Ma quando lo dicevamo non avrei mai pensato che potesse capitare a me.

Per tutto un anno circa ho continuato ad avere questo problema di erezione, con tutto che avevo quasi del tutto chiuso con le droghe.
   Poi mi sono convinto ad andare da un andrologo il quale mi ha prescritto delle pillole tipo viagra, ma meno potenti, che ho usato solo per un 3-4 volte.
   Adesso il problema sembra risolto anche se non sempre l'erezione dura quanto basta. La mia domanda è: tornerò mai come prima? O mi rimarrà questo deficit a vita???
   E poi: può essere stata anche una questione psicologica nata dopo la prima manifestazione???
    (Vorrei sottolinere che l'abuso è stato di più di pasticche e speed).
   E infine: è vero che in alcune pillole mettono (non mi ricordo il nome preciso della sostanza) una specie di veleno che in piccole dosi causa cancro ai testicole e in grosse dosi anche la morte?
   Mi pare si chiamasse striknina o simile, perchè io tra l'altro sono stato operato ai testicoli per una cisti.


Tutte le droghe, o per effetti di tipo fisiologico o di tipo mentale, interferiscono pesantemente con la attività sessuale, sia maschile sia femminile.

Le sostanze stimolanti, come la cocaina, le amfetamine e i derivati amfetaminici, come l' extasy, hanno tra i loro effetti quello di causare una vasocostrizione, cioè una riduzione dell'apporto di sangue a tutti gli organi periferici, quindi anche ai corpi cavernosi del pene, per cui l'erezione diventa difficile o incompleta.
   Gli oppiacei causano un progressivo e marcato calo della libido con erezione incompleta o assente; gli allucinogeni danno sensazioni fisiche e mentali bizzarre ed imprevedibili, rendendo difficile il contatto con la realtà; l'ansia che può derivare dalla assunzione di una droga può determinare una eiaculazione precoce o una erezione incompleta.
   In generale penso che quasi tutte le droghe vengano vendute dagli spacciatori accompagnate dalla falsa informazione che migliorano la performance sessuale, ma nella pratica è vero esattamente il contrario; questo, sia detto per inciso, vale anche per la nicotina (vasocostrizione periferica, come per la cocaina) e l'alcool (aumenta il desiderio per l'effetto disinibitorio, ma peggiora la performance maschile).

I fattori fisici, mentali e relazionali che entrano in gioco durante un rapporto sessuale sono numerosi, e nel tuo caso solo uno specialista andrologo e uno psicologo, ai quali ti consiglio di rivolgersi in modo continuativo e non ocacsionale, potranno valutare la evoluzione dei tuoi disturbi indicandoti gli interventi terapeutici adatti.
   In generale gli effetti delle droghe tendono a scomparire con il passare del tempo, nell'arco di qualche mese; è forse opportuno che tu "metta a riposo" il tuo cervello dandogli il tempo per recuperare la sua funzionalità dopo tutto lo stress dato dall' uso di droghe nei tuoi anni scorsi.

Per ciò che riguarda la presenza di sostanze da taglio pericolose nelle pastiglie o nelle altre polveri vendute come droghe: è sempre difficile capire che cosa contengono le diverse droghe, ma in generale va contro l'interesse dello spacciatore vendere delle droghe che danneggiano o fanno morire i propri clienti, facendogli perdere un guadagno sicuro.    

Dr. Claudio Ferretti,
SERT, Centro Alcologico e Centro Antifumo di Modena

Risposta a cura del Sert Ausl di Modena e del Progetto BuonaLaNotte (Comune di Modena - Assessorato Politiche Giovanili)